CI╩VE, BAGN╩UVE E GALLINN-E  E FAN E ╩UVE DE CIONGIO , DE BRONZO DE CIUMME DE COLOMBO

21 Marzo, S.Benedetto, equinozio di primavera. E cade proprio a proposito la filastrocca che avevo preannunciato nello scorso numero del giornalino:

RONDANINN-A A TEITO A TEITO
PORTA L'╩UIO A SAN BENEITO.
SAN BENEITO O NO NE V╩U
PORTA L'╩UIO AI SĎ FIGGIEU...

e la filastrocca continua ma, direi, che queste quattro strofe sono la parte pi¨ conosciuta.  Ma andiamo alla ricerca di qualche altra filastrocca che tutti abbiamo sicuramente avuto modo di ascoltare. E come non scrivere la seguente che Ŕ anche in versione cantata:
OU LIDIN OU LIDIN OU LIDENA
SABBO A CAMOGGI, DOMENEGA A ZENA
OU LIDIN, OU LIDIN, OU LID└
SABBO A CAMOGGI, DOMENEGA A PRA


Ed eccone un'altra altrettanto celebre
TRILLI, TRILLI, T'AE CI┘ BALLE
CHE MANDILLI;
MANDILLI NON TI N'AE,
T'AE CI┘ BALLE CHE DINAE!

Ma dopo queste disgressioni voglio tornare ad una filastrocca infantile:
CI╩VE, BAGN╩UVE
E GALLINN-E  E FAN E ╩UVE
DE CIONGIO , DE BRONZO
DE CIUMME DE COLOMBO

AEUGA E VENTO
DOMAN SAI└ BON TEMPO
ANDIEMO DA- O SEGNď
DOVE L█XE SEMPRE O Sď

E come non parlare della bella di Torriglia citata anche in molti proverbi:
A L'╚ A BELLA DE TORRIGGIA
T█TTI A V╩UAN NISCIUN A PIGGIA,
MA QUANDE POI A S'╚ MAI└
T█TTI ORIEVAN AVEILA SPOS└.

E, per concludere, alcune strofe molto conosciute anche come canto popolare:
FOENTE CAE, FOENTE DA LAETE
MI TE VEGGIO TANTO BEN
DIMME UN PO' COMME SON FAETE
QUELLE COSE CH'EI IN SEN?
QUELLE COSE CH'EMMO IN SEN
SON FAETE A P█GNATTIN,
DIMME UN PO', VO╬ BELLO ZOENO
COMME L'EI O BE...RETTIN
Questa volta ho concluso con una strofa divertente e con un chiaro doppio senso ma, sicuramente, nessuno si scandalizzerÓ.