N'ATRA VOTTA CHE TI VEGNI NU TE STA A SCURDA', PASSA PRIMMA DA ME PORTA  TI A TRUVIEE' SEMPRE ARREMBA'

n altro anno Ŕ passato ed eccoci di nuovo in prossimitÓ del Natale.
Parola magica, ricorrenza dolce ma anche venata di ricordi, malinconia, speranza.
Ricordi dolci e struggenti pensando a chi non Ŕ pi¨ con noi; malinconia pensando a chi non pu˛ godere del Natale all'interno della propria casa ma sotto una tenda, in un container;  speranza in un futuro migliore senza crisi occupazionale, senza calamitÓ naturali, senza guerre, senza violenze ai bambini, senza disperati alla ricerca di una terra. Che strano, arriva Natale eppure non riesco a pensare a lustrini, alberi, vetrine luccicanti ma la parola che scende spontaneamente  dalla penna Ŕ solidarietÓ. E allora anche la mia ricerca dialettale quest'anno risente di questa vena di malinconia che voglio esprimere attraverso una poesia che ho imparato dai miei alunni.

U  L'E'  LI'  POVIU BALLETTA
IN TA PAGGIA U ME FA SCIALLA
PERCHE' T'E' NASCIU IN TA STALLA
CUN U BEU E L'ASENIN?

O BAMBIN CUN QUESTU FREIDU
PERCHE' TI E' NASCIU CUSCI'?
TE DAIEVA A ME SCUFFIETTA
TE DAIEVA U ME LETTIN.

N'ATRA VOTTA CHE TI VEGNI
NU TE STA A SCURDA',
PASSA PRIMMA DA ME PORTA
TI A TRUVIEE' SEMPRE ARREMBA'

Non  traduco questa poesia; voglio rimarcare soprattutto gli ultimi due versi: l'invito a passare da una porta che sarÓ sempre aperta. Aperta al prossimo, all'amicizia, a un sorriso, a un gesto d'affetto, alla speranza, alla solidarietÓ.
Questo vuol essere il mio pensiero pi¨ vero e il mio augurio pi¨ sentito.

BUON NATALE
E  PIU',  PIU',  PIU',
SERENO ANNO NUOVO